SEMENTI PER PRATO

E’ arrivato il momento di scegliere la semente ideale per il nostro prato. Innanzitutto bisogna dire subito che le sementi che troviamo in commercio sono prevalentemente dei miscugli. 

Si tratta di miscele di 3 o 4 specie differenti che combinate tra loro in percentuali diverse rendono il miscuglio ideale per le diverse esigenze di ogni prato.

TIPI DI SEMENTI

Le sementi per prato si dividono in due categorie MACROTERME e MICROTERME, la principale differenza tra le due è rappresentata dalla temperatura di germinazione; le prime possono germinare con temperature comprese tra i 25°C e i 35°C, le microterme necessitano di temperature più miti comprese tra i 15°C e i 25°C.

 

MACROTERME

Queste sementi oltre a germinare a temperature superiori a 30°C, hanno un ottima resistenza allo stress idrico, infatti la lunghezza delle loro radici può arrivare anche fino a 50cm, consentodogli di arrivare a cogliere l’umidità presente nei bassi strati del terreno. Il suo utilizzo è consigliato in zone con un clima molto caldo, in cui le temperature possano anche superare i 40°C: la pianta anche a queste temperature è in grado di vegetare, infatti sono principalmente utilizzate nel sud Italia e lungo le zone costiere. Inoltre grazie ai propri rizomi e stoloni si espande molto rapidamente nel terreno andando a creare densità in aree diradate.

Con l’abbassarsi delle temperature attorno ai 20°C questa specie rallenta la propria crescita, poi bloccarla completamente quando la temperatura scende sotto i 10°C. Contemporaneamente la propria colorazione subirà una mutazione, non sarà più verde ma tendente a un giallo paglia. Essendo comunque una pianta perenne, con il rialzarsi delle temperature riprenderà sia il vigore di crescita che la colorazione verde.

 

 

La specie più comune di macroterma è la gramigna (Cynodon Dactylon).

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento